Le Scuole dell’Infanzia paritarie

L’esperienza maturata nel tempo nell’ambito dei servizi per la prima infanzia ( Centri per bambini e genitori, centri gioco, Spazio bambini, Nidi d’Infanzia) ci ha permesso di ampliare il nostro ambito di intervento. Con l’obiettivo di continuare ad offrire servizi di qualità, attenti alle esigenze dei bambini, delle bambine e delle loro famiglie, la Girogirotondo dall’anno 2015 gestisce nel Comune di Comacchio due scuole dell’Infanzia paritarie: la Scuola d’Infanzia “G. Billiart” di San Giuseppe e la Scuola d’Infanzia S. Maria Bertilla” di Volania seguendo un cammino, in continuità con gli anni precedenti, orientato ai valori religiosi.

14606432_683197871855729_3724545507699567898_n

Il vasto programma delle iniziative che la Cooperativa conduce,  basato sulla collaborazione di molti soggetti, pubblici e privati, il lavoro di rete messo in atto con le Pubbliche Amministrazioni, l’Azienda USL, il Coordinamento Pedagogico Provinciale Fism di Ferrara, le Istituzioni Scolastiche e le Associazioni presenti sul territorio, ha contribuito a rendere il lavoro più completo e condiviso, ottenendo ottimi risultati.

La Cooperativa mette al primo posto la qualità dei servizi attraverso: la formazione degli operatori, la qualificazione professionale, gli incontri di confronto e programmazione dell’équipe e il monitoraggio-valutazione.

15337595_708504629325053_3263178478560546942_n

Le attività che si propongono nelle Scuole mettono al centro i bambini e le bambine con un’attenzione assoluta al loro benessere psico-fisico, al loro sviluppo e alla loro crescita nel rispetto dei tempi di ognuno; è di grande importanza la presenza in ogni scuola di un progetto educativo che caratterizza le attività e i giochi proposti ai bambini e alle bambine, garantendo una pluralità di occasioni di scoperta, socializzazione e crescita.

Non meno importante è la partecipazione e la comunicazione con le famiglie, attraverso colloqui individuali, riunioni e assemblee, incontri tematici, coinvolgimento a feste, uscite nel territorio e progetti specifici.

Torna il Carnevale sull’acqua…la VI edizione vi sorprenderà!!

Arrivato ormai alla sua 6° edizione, il Carnevale sull’Acqua di Comacchio è l’unico nel suo genere. Barche allegoriche sfileranno tra i canali del centro storico. Gruppi mascherati, musica, spettacoli di ogni tipo e tante tante sorprese, animeranno le giornate del 19 e 26 febbraio 2017.

L’evento è organizzato dalla Cooperativa Sociale Girogirotondo, patrocinato dal Comune di Comacchio, in collaborazione con l’associazione Ingranaggi Culturali, le associazioni del territorio, le scuole, le parrocchie e i volontari del Comune di Comacchio.

15977977_735984163243766_3861683033792737022_n

Il 19 febbraio, prima domenica di Carnevale, verrà premiata la maschera più bella ed il gruppo più numeroso scelti tra il pubblico e giudicati da una giuria!!

Ecco una foto della scorsa edizione: barche in parata e una folla gremita tra le vie del centro storico!

15977580_1666600010299736_4353897963419901322_n

Vi aspettiamo numerosi anche quest’anno!

Nasce un nuovo progetto…MagicaMente, Laboratori didattici per l’apprendimento.

MagicaMente è un progetto didattico a favore di alunni con DSA frutto della collaborazione tra l’Istituto Comprensivo di Porto Garibaldi, l’Amministrazione Comunale e la Cooperativa Sociale Girogirotondo.

Ormai da anni la nostra Cooperativa è presente all’interno delle scuole di ogni ordine e grado del territorio con attività e progetti educativi volti al miglioramento delle capacità di apprendimento degli alunni: gli educatori e le educatrici lavorano in équipe con gli insegnanti curriculari, in un’ottica di scambio e condivisione delle modalità didattiche, con l’intento di dare risposte concrete alle necessità formative degli alunni. Negli interventi si garantisce la continuità educativa degli educatori all’interno delle Scuole, in modo che gli alunni possano affrontare il proprio percorso di studi con maggior serenità.

Screenshot_20170120-180151

Il progetto si svolge tutto l’anno scolastico in orario pomeridiano: i laboratori didattici per l’apprendimento sono tenuti da educatori con l’intento di favorire l’acquisizione di un metodo di studio adeguato allo svolgimento delle consegne. I laboratori hanno anche lo scopo di far crescere l’autostima e la motivazione all’apprendimento, con strategie di intervento volte a supportare i ragazzi nei momenti di difficoltà e di sconforto, rafforzando altresì le capacità dei ragazzi stessi utilizzando azioni didattiche mirate e personalizzate (attraverso schemi, mappe concettuali, calcolatrici, video, audiolibri, Power Point). I ragazzi verranno formati all’uso degli strumenti informatici e dei software utili per lo studio e utilizzeranno i libri digitali e la LIM messi a disposizione dalla Scuola.

Il progetto intende, quindi, attivare e promuovere forme flessibili e personalizzate di didattica, tenendo conto delle esigenze specifiche di ognuno: il laboratorio è un intervento educativo – didattico organico e continuativo, il cui punto di forza sarà l’azione condivisa e integrata tra le diverse figure coinvolte. Saranno, infatti, partecipanti attivi il dirigente scolastico, i docenti, i genitori, gli esperti in DSA e naturalmente gli alunni, che saranno i veri protagonisti dell’intervento. Il progetto MagicaMente muove infatti i suoi passi partendo dal presupposto che tutta la comunità scolastica potrà trarre un’importante opportunità di crescita umana e sociale attraverso un attento programma di inclusione, con vantaggi e ripercussioni benefiche sui singoli ma anche sulla classe, sugli insegnanti e sui genitori.

La costante collaborazione di tutti i soggetti coinvolti permetterà di offrire un accompagnamento con competenza, fornendo agli alunni con DSA gli «attrezzi» e gli strumenti per affrontare il proprio percorso di studi, sfruttando le abilità che ciascun alunno possiede.

 

Leggermente atletici e Orienteering: lo sport a misura di tutti!

Il 10 giugno 2016 si è svolto in piazza a Ferrara un appuntamento importante in cui le persone con disabilità sono state protagoniste di uno sport a “misura di ognuno”: l’Orienteering.

L’Orienteering è, infatti, uno sport adattabile a condizioni, situazioni e concorrenti diversi: consiste nel cercare di raggiungere delle zone stabilite, seguendo dei punti segnati su una pianta topografica e contrassegnati con dei simboli (alfanumerici o altro) in cui i partecipanti troveranno delle indicazioni (parti di parole o parole intere, facilmente decifrabili) da riportare su un apposito cartellino che verrà poi consegnato ai responsabili alla conclusione della gara. Lo scopo è riuscire a compiere un percorso, seguendo e leggendo correttamente le indicazioni fornite. Per i suoi caratteri peculiari necessita di un impegno che interessa sia la sfera motoria che cognitiva dell’individuo e, proprio per queste ragioni, è considerato a tutti gli effetti uno sport. L’Orienteering è caratterizzato da dinamicità, in quanto gli atleti sono in continua interazione con l’ambiente circostante e con i propri compagni di squadra, con i quali devono collaborare e confrontarsi durante tutto lo svolgimento della gara; ma è altresì uno sport in cui sono fondamentali il rispetto e la solidarietà, in quanto ogni persona deve gareggiare tenendo in considerazione le difficoltà e le potenzialità degli altri partecipanti.

Il percorso compiuto il 10 giugno ha interessato Piazza Municipio a Ferrara e zone limitrofe, coinvolgendo sia soggetti pubblici che privati, creando un’occasione di integrazione con tutta la comunità di Ferrara.

 13988035_645745545600962_4157085394272058633_o

L’Orienteering è solo una delle numerose proposte di “Leggermente atletici”, un meeting sportivo nato nel 2006 con lo scopo favorire la pratica sportiva da parte di persone con disabilità, ospiti di centri diurni e residenziali, laboratori protetti, case famiglia, gruppi appartamento: il progetto “Leggermente atletici” è scaturito da una riflessione sull’importanza che l’allenamento (e la pratica dell’attività motorio-sportiva che si persegue attraverso esso) riveste nella vita di una persona con disabilità in termini di miglioramento della qualità di vita, sia dal punto di vista del benessere fisico che del benessere psichico. Creare occasioni per praticare sport significa contrastare la sedentarietà e l’immobilismo, favorendo l’inclusione sociale, la partecipazione e il confronto con altre persone, mettendo alla prova le proprie capacità e sfidando i propri limiti personali senza che l’attività sportiva sfoci in uno sfrenato agonismo.

Leggermente atletici” è una proposta pensata e incentrata sulla persona e non sulla sua disabilità in quanto la costanza degli allenamenti, le diverse iniziative e l’adattare le competizioni alle diverse abilità degli atleti che partecipano, fanno sì che la persona abbia a sua disposizione una proposta completa dal punto di vista educativo e sportivo, mediante la quale esprimere se stessi e trovare fiducia nelle proprie potenzialità superando gli ostacoli e la fatica. Si crea così una sinergia in cui il lato fisico e umano possono perfettamente entrare in comunicazione per allenare l’atleta e la persona.

È importante considerare lo sport come una necessità nella vita di tutte le persone, nessuno escluso; è importante che la persona con disabilità che decide di fare sport non venga vista come un’eccezione o come colui che compie un’impresa eroica, bensì sia considerata semplicemente come una persona che si prende cura di se stessa, divertendosi svolgendo un’attività motoria.

12003325_508560165986168_6610253818952296329_n

L’organizzazione di Leggermente Atletici consiste in diversi momenti, alcuni già conclusi, altri in programma prossimamente; citiamo tra le iniziative svolte il coinvolgimento dell’istituto superiore G. Monaco – Liceo scienze umane di Codigoro mediante la presentazione di un DVD sul progetto e il coinvolgimento di una classe nelle attività del meeting, nell’ambito del progetto scolastico di alternanza scuola-lavoro a partire dal mese di marzo 2016; una gara di bocce, novità introdotta proprio quest’anno per arricchire le proposte sportive, tenutasi il 25 maggio 2016 in collaborazione con A.S.D Bocciofila La Ferrarese.

Per la realizzazione del progetto, la nostra Cooperativa coinvolge la figura di un istruttore (diplomato ISEF, laureato in Scienze motorie, certificato CONI di educatore sportivo per disabili) che programma e conduce, con l’assistenza di educatori e di operatori, una serie di unità didattiche nelle varie sedute di allenamento. 

I prossimi appuntamenti in programma sono i seguenti:

  • Gare di atletica allo stadio Raibosola di Comacchio (8 settembre 2016 – o 15 settembre in caso di maltempo) nelle seguenti discipline: corsa veloce 60 m, staffetta 4 x 100 m, corsa ad ostacoli, lancio del vortex, salto in lungo, getto del peso, proposta ludico-sportiva per l’inclusione di tutte le persone con disabilità, anche quelle con patologie più gravi.
  • Gare di nuoto (25 settembre 2016), presso una piscina CUS 2 Ferrara, in collaborazione con il Centro Universitario Sportivo ed Estense Nuoto di Ferrara.

Sognando una parata…di barche in festa! IV edizione

Stampa

Siamo giunti alla quarta edizione di “Sognando una parata…di barche in festa”, l’evento che inaugura l’estate sul litorale comacchiese, svoltasi quest’anno il 25 giugno 2016: nell’incantevole e magica cornice di Comacchio sotto un cielo tempestato di stelle, le barche del carnevale hanno sfilato con i loro sgargianti vestiti, tra musiche, figuranti e coreografie di danza, per contagiare turisti e visitatori di ogni età, con allegria ed aria di festa.

Anche quest’anno la manifestazione era inserita nella programmazione de “Il Festival dei ragazzi”, cartellone di eventi promosso dall’Apt regionale lungo tutta la riviera emiliano-romagnola: tante le proposte di animazione e divertimento presenti durante tutta la serata per i bambini e le bambine con palloncini, truccaviso, bolle di sapone giganti e spettacoli.

L’evento si è aperto alle ore 18 in piazzetta Trepponti con le proposte di animazione ed intrattenimento per bambini dell’Associazione Muovidea con giochi originali e coinvolgenti, mentre in piazza Folegatti erano presenti il mercatino di prodotti tipici e l’associazione Volanialand, che ancora una volta con lo spettacolo dei burattini ha regalato emozioni e risate a grandi e piccoli.

Grande partecipazione di pubblico durante tutta la durata della manifestazione, che è entrata nel vivo con le esibizioni di due giovanissime cantanti comacchiesi: Giulia Gelli e Miriana Di Magro hanno aperto la sfilata con musica dal vivo, mentre le scuole di danza Asd “Arte e Danza” di Laura Tomasi, “El movimiento” di Beatrice Cavallari, Muovidea di Nadia Vitali con Edera Ravenna hanno regalato emozioni con le loro esibizioni di danza, zumba e ginnastica ritmica.

Con il calar della sera, finalmente, dalla Piazzetta Trepponti le batane sono scese in parata, magnificamente e maestosamente addobbate grazie alla creatività e alla dedizione dei numerosi volontari delle associazioni culturali che collaborano alla riuscita del carnevale estivo: la parata è stata bellissima con tutte le barche vestite in abito da sera, accompagnate da musiche che hanno contribuito a creare un’atmosfera magica.

13524392_621005398074977_8664312298429010262_n

Hanno allietato la serata anche i gruppi “I belli de notte” e “La Grande burla”, che ha incantato e tenuto con il fiato sospeso i visitatori e i turisti con scie luminose, mangiafuoco e acrobazie incredibili; l’atmosfera di festa ha percorso le vie del centro storico di Comacchio anche grazie ai volontari delle parrocchie del Duomo e del Rosario di Comacchio, che hanno sfilato in abiti colorati presentando l’“Oriente”.

Un magnifico spettacolo pirotecnico, con i maestosi Trepponti a incorniciare le acrobazie dei fuochi d’artificio, ha coronato e concluso nel modo più magico e speciale una serata che può essere considerata il salto in un sogno all’inizio dell’estate: sono stati tantissimi i visitatori accorsi, a conferma del fatto che la manifestazione sta diventando sempre più un appuntamento immancabile nel panorama dell’offerta di intrattenimento comacchiese.

13501612_620796914762492_3851621724681534478_n

Durante tutta la serata nella piazzetta della Pescheria è stata allestita una mostra fotografica con i migliori scatti realizzati durante il challenge fotografico legato al Carnevale sull’acqua 2016, organizzato in collaborazione con il gruppo degli Instagramers ferraresi: tra gli scatti era presente anche la foto vincitrice del challenge.

13501952_620976648077852_5543084882164682323_n

La riuscita della serata non sarebbe stata possibile grazie all’Amministrazione comunale di Comacchio, che come sempre sostiene l’evento contribuendo a realizzarlo fattivamente; sono doverosi anche i ringraziamenti alle numerose Associazioni di promozione sociale e di volontariato, alle Parrocchie e a tutti coloro che insieme a noi mettono il cuore e passione, impegno ed entusiasmo nel creare e realizzare una serata unica, magica e indimenticabile, valorizzando al meglio il territorio e le peculiarità di questo meraviglioso territorio:  Comacchio.

13521944_620796744762509_6815229761950353529_n

Lo sportello antiviolenza Iris

11218184_436591696528492_4641059453719496966_o

Lo Sportello Antiviolenza Iris è nato grazie al Progetto “Penelope: donne che tessono reti” finanziato dalla Regione Emilia Romagna e dai Comuni di Comacchio e di Codigoro.

Lo Sportello Iris è gestito dalla Cooperativa Girogirotondo  e nasce in modo operativo il 22 settembre 2015, con la conferenza stampa avvenuta a Palazzo Bellini a Comacchio. Lo Sportello si rivolge alle donne che hanno subito o subiscono violenza psicologica, fisica, sessuale, economica, stalking, mobbing, violenza assistita  ed offre ascolto ed accoglienza telefonica, colloqui individuali, sostegno, indicazioni sulle risorse disponibili sul territorio e predisposizione di un piano di sicurezza in caso di pericolo.

Lo Sportello Iris è aperto il mercoledì dalle ore 14.00 alle ore 18.30 in Via Spina 34 a Comacchio e il giovedì dalle 8.30 alle ore 13.00 in Via Matteotti 60 a Codigoro.

Negli orari di chiusura le telefonate vengono deviate al Centro Donna Giustizia di Ferrara con cui lo Sportello è in collegamento.

Lo Sportello Iris ha iniziato a costituire una rete con le Forze dell’Ordine, Servizi Socio-Sanitari e Centro per le Famiglie. Nei mesi precedenti si sono svolti dei corsi di info-formazione per nuove volontarie, a cui hanno preso parte oltre all’Udi Spazio Donna e al Cif, anche le donne del Comunity Lab.

Lo Sportello Iris ha la finalità di permettere alle donne di avere un luogo di ascolto e  di accoglienza, uno spazio in cui sentirsi credute, non giudicate e dove potersi esprimere liberamente nella garanzia della riservatezza.

Documenti scaricabili relativi al concorso per la realizzazione del logo dello Sportello Antiviolenza Iris:

Bando di concorsoconcorso logo

Modulo di partecipazioneAllegato A

Modulo d’autorizzazione alla partecipazione per minoriAllegato B

“Amare la lettura fin dall’infanzia per crescere e sognare”

Leggimi subito, leggimi forte
Dimmi ogni nome che apre le porte
Chiama ogni cosa, così il mondo viene
Leggimi tutto, leggimi bene
Dimmi la rosa, dammi la rima
Leggimi in prosa, leggimi prima

Bruno Tognolini

Perché leggere ai bambini fin da piccoli? Una domanda molto semplice a cui vale la pena dedicare una risposta esauriente che richiede tempo, spazio ma, soprattutto, sappia trasmettere l’importanza di questa pratica. La lettura ad alta voce per bambini e bambine da 0 a 6 anni è al centro del progetto nazionale Nati per Leggere, che si prefigge lo scopo di promuovere su tutto il territorio percorsi di sensibilizzazione e promozione della lettura; evidenze scientifiche e la costante collaborazione tra biblioteche e pediatri hanno messo in luce quanto sia significativo nella crescita dei bambini beneficiare di tale pratica.  Nati per Leggere è quindi promosso dall’alleanza tra bibliotecari e pediatri attraverso le seguenti associazioni: l’Associazione Culturale Pediatri – ACP che riunisce tremila pediatri italiani con fini esclusivamente culturali, l’Associazione Italiana Biblioteche – AIB.

La lettura fin dalla primissima infanzia è infatti fondamentale per la crescita del bambino perché influenza positivamente la relazione con l’adulto creando un’opportunità di relazione tra bambino e genitori ma è altresì occasione di crescita sul piano cognitivo in quanti si sviluppano meglio, e più precocemente, la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura. Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere che si protrae nelle età successive grazie all’approccio precoce legato alla relazione.

Il programma nazionale si snoda in una serie di progetti locali, coinvolgendo Comuni, biblioteche, associazioni di volontariato e cooperative sociali.

12310621_533653516810166_8973147392099697002_n

Anche l’Amministrazione Comunale di Comacchio e la rete di istituzioni scolastiche, con la collaborazione della nostra Cooperativa unitamente a quella dell’Associazione Culturale Pediatri e dell’Associazione Italiana Biblioteche si prefiggono di favorire e diffondere la cultura della lettura ad alta voce per bambini e bambine da 0 a 6 anni con una serie di incontri rivolti ai bambini e ai loro genitori, durante i quali sarà possibile “gustare” molte letture, storie e filastrocche, che seguono un tema conduttore a seconda delle giornate.

Volantino NpL orizzontale-page-002

Gli incontri dedicati alle letture sono gratuiti, aperti ai bambini e ai loro genitori e si tengono presso la Sala Nati per Leggere della Biblioteca “A. Muratori” a Palazzo Bellini e presso il Centro Comunale Infanzia “L’Albero delle Meraviglie” a Comacchio.Le prime letture sono iniziate nel mese di ottobre, finora si sono susseguite con cadenza bimensile e proseguiranno fino al mese di marzo.

Al fine di diffondere sempre più l’importanza della lettura a voce alta si terrà altresì un corso gratuito di base rivolto a genitori, nonni, zii, insegnanti ed educatori volontari dal titolo “Leggere ad alta voce” e condotto dall’educatrice e narratrice della nostra Cooperativa, Silvia Straforini; gli incontri saranno tre e si svolgeranno nella Sala Nati per Leggere della Biblioteca Civica “L. A. Muratori” il 19 gennaio, il 2 febbraio e il 16 febbraio 2016 dalle ore 16,30 alle ore 18. L’obiettivo del corso è trasmettere l’importanza della pratica della lettura, che deve proseguire anche a casa e non solo a scuola, in biblioteca, oltre alla volontà di creare gruppi di lettura RACCONTA-STORIE con genitori.

Volantino NpL orizzontale-page-001

Con Girogirotondo il divertimento è assicurato!

La nostra Cooperativa si occupa di animazione in occasione di eventi di piazza, Carnevale, sagre o ricorrenze varie, all’insegna del divertimento per i bambini e le bambine. Le proposte durante l’animazione sono moltissime e si rivolgono a diverse fasce d’età: ogni attività viene pensata ed organizzata per regalare a tutti giochi e divertimento, a prescindere dalle differenti età di chi vi partecipa e con il coinvolgimento dei genitori.

1375242_484594948382690_8217439769313953441_n

Le location in cui si svolgono le animazioni sono diverse e spaziano dai parchi pubblici alle piazze: l’organizzazione dell’animazione tiene conto dello spazio in cui ci si trova, adeguando le proposte.

Tutto viene condotto e gestito da animatrici  qualificate e preparate che predispongono laboratori creativi ed espressivi, letture animate, pittura, giochi di gruppo: il tutto avviene in spazi aperti con semplici materiali e allestimenti che talvolta seguono un tema conduttore, a seconda dell’occasione in cui si svolge l’animazione.
Tra le varie proposte spiccano le bolle di sapone giganti, psicomotricità, clownerie, truccaviso, sculture di palloncini e giochi; quando le animazioni si svolgono in orario serale spesso si ricorre a giochi di luci e ombre.

10408186_417957865046399_5009841727964054247_n